School Bonus

Il credito di imposta per le erogazioni a favore delle scuole


CHE COS'È LO SCHOOL BONUS

La legge sulla Buona Scuola (n. 107 del 2015 e Decreto MIUR 8 aprile 2016) prevede che i contribuenti – persone fisiche, enti non commerciali, soggetti titolari di reddito di impresa – possano effettuare erogazioni liberali in denaro in favore delle scuole del sistema nazionale di istruzione, statali e paritarie.
Al contribuente spetta un credito d’imposta pari al 65 % per le erogazioni effettuate nel 2016 e 2017 e del 50% per quelle disposte nel 2018. L’importo massimo ammesso all’agevolazione fiscale è pari a 100 mila euro per ciascun periodo d’imposta. Il credito d’imposta è ripartito in tre quote annuali di pari importo. La quota annuale non utilizzata può essere riportata in avanti senza alcun limite temporale. Per i soggetti titolari di reddito di impresa il credito d’imposta è utilizzabile, ferma restando la ripartizione in tre quote annuali di pari importo, a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello di effettuazione delle erogazioni liberali, esclusivamente in compensazione ai sensi dell’art. 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, e successive modificazioni.
I contribuenti scelgono liberamente la scuola da beneficiare e quest’ultima, ricevuta l’erogazione, ne devolverà allo Stato il 10% che confluirà in un fondo perequativo; quest’ultimo sarà distribuito alle scuole che risultino destinatarie di erogazioni liberali in un ammontare inferiore alla media nazionale. Le erogazioni liberali devono essere finalizzate a sostenere investimenti per:

  • Realizzazione di nuove scuole;
  • Manutenzione e potenziamento di scuole esistenti;
  • Sostegno a interventi che migliorino l’occupabilità degli studenti.

QUALI BENEFICI PER IL DONATORE

Esempio 1:

  • Nel 2017, una persona o un Ente non commerciale effettua alla scuola designata un’erogazione liberale pari a Euro 10.000 (tassativamente secondo le modalità indicate al punto successivo);
  • La scuola beneficiaria, ricevuti gli Euro 10.000, devolverà allo Stato Euro 1.000 il quale li utilizzerà a favore delle scuole che risultino destinatarie di erogazioni liberali in un ammontare inferiore alla media nazionale;
  • Il donatore usufruisce di Euro 6.500 di credito d’imposta che utilizzerà nel seguente modo:
    • Euro 2.166,67, nel 2017
    • Euro 2.166,67, nel 2018
    • Euro 2.166,67, nel 2019

Esempio 2:

  • Nel 2018, la stessa persona o lo stesso Ente non commerciale dell’Esempio 1 effettua un’ulteriore erogazione liberale pari ad Euro 10.000 (tassativamente secondo le modalità indicate al punto successivo);
  • La scuola beneficiaria, ricevuti gli Euro 10.000, devolverà allo Stato Euro 1.000 il quale li utilizzerà a favore delle scuole che risultino destinatarie di erogazioni liberali in un ammontare inferiore alla media nazionale;
  • Il donatore usufruisce di ulteriori Euro 5.000 di credito d’imposta che sommerà a quelli dell’anno precedente.

COME L’EDRES UTILIZZERÀ I DONATIVI RICEVUTI GRAZIE ALLO SCHOOL BONUS 

  • Sostituzione infissi esterni e interni
  • Ristrutturazione ultimo piano per ampliamento aule e servizi
  • Adeguamento ascensore e servizi igienici per garantire autonomia ai portatori di handicap
  • Adeguamento piano rialzato per ampliamento scuola dell’infanzia
  • Adeguamento cucine per realizzazione servizio interno mensa
  • Adeguamento Aula Magna
  • Realizzazione infrastruttura di rete
  • Rinnovo e adeguamento strumenti informatici e avvio nuovo progetto di gestione

QUALI SONO LE MODALITA' TECNICHE PER USUFRUIRE DELLO SCHOOL BONUS

Per beneficiare dello School Bonus è necessario procedere tassativamente nel seguente modo:

  1. Effettuare l’erogazione tramite bonifico bancario o postale intestato a "Associazione  EDRES" utilizzando il seguente codice IBAN: IT29R0503411708000000046900.
  2. Nella causale del versamento deve essere riportato, nell’esatto ordine di seguito indicato:
    1. Il codice fiscale dell’Associazione EDRES: 00972490239
    2. Il codice della finalità alla quale è vincolata ciascuna erogazione, scelto tra i seguenti:
      • C1: realizzazione di nuove strutture scolastiche
      • C2: manutenzione e potenziamento di strutture scolastiche esistenti
      • C3: sostegno e interventi  che migliorino l’occupabilità degli studenti
  3. Il codice fiscale delle persone fisiche o degli enti non commerciali o dei soggetti titolari di reddito d’impresa che effettuano la donazione.

Quindi se per esempio il signor Mario Rossi volesse effettuare un'erogazione liberale all’Associazione EDRES usufruendo dello School Bonus dovrà  effettuare un bonifico in questo modo:

Beneficiario: Associazione EDRES
IBAN: IT29R0503411708000000046900
Causale: 00972490239 C2  [codice fiscale Mario Rossi]

Per ogni ulteriore informazione o precisazione scrivere a info@associazioneedres.it

Di seguito sono indicati i donativi ricevuti dall’Associazione EdRes grazie allo School Bonus.

Nel mese di gennaio 2017:

  • Euro 1.500, da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 150,00 pari al 10% della cifra ricevuta.

Nel mese di Febbraio 2017:

  • Euro 2.240, da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 224,00 pari al 10% della cifra ricevuta.

Nel mese di Marzo 2017:

  • Euro 2.186, da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 218,60 pari al 10% della cifra ricevuta.

  • Euro 4.500, da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 450,00 pari al 10% della cifra ricevuta.

Nel Mese di Aprile 2017

  • Euro 30.000, da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 3000,00 pari al 10% della cifra ricevuta.

Nel Mese di Maggio 2017

  • Euro 5.000, da privato
  • Euro 5.000, da privato
  • Euro 200, da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 1020,00 pari al 10% della cifra ricevuta.

Nel Mese di Giugno 2017

  • Euro 5.000, da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 500,00 pari al 10% della cifra ricevuta.

Nel Mese di Luglio 2017

  • Euro 5.000, da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 500,00 pari al 10% della cifra ricevuta.

Nel Mese di Novembre 2017

  • Euro 700, da privato
  • Euro 1.000, da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 170,00 pari al 10% della cifra ricevuta.

Nel Mese di Dicembre 2017

  • Euro 1.000, da privato
  • Euro 300, da privato
  • Euro 500, da privato
  • Euro 178, da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 197,80 pari al 10% della cifra ricevuta.

Nel Mese di Febbraio 2018

  • Euro 20.000 da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 2000,00 pari al 10% della cifra ricevuta.

Nel Mese di Giugno 2018

  • Euro 20.000 da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 2000,00 pari al 10% della cifra ricevuta.

Primaria - Metodo Analogico